Impianti idrico-sanitari

“L’impianto idrico-sanitario comprende l’insieme delle reti, i componenti, le apparecchiature e gli accessori che permettono l’adduzione e la distribuzione dell’acqua fredda e calda, nonché i relativi scarichi nelle modalità e nelle quantità necessarie a soddisfare i fabbisogni dell’utenza.”

In ogni edificio è presente un impianto idrico-sanitario che può essere relativamente semplice, come nel caso di quello a servizio di una piccola villetta unifamiliare, o notevolmente complesso nel caso di edifici di grandi dimensioni o con destinazioni di uso particolari come gli alberghi. Impianti idrici specifici sono richiesti per applicazioni commerciali quali i supermercati, per gli impianti sportivi e, più ancora, in campo industriale. Talvolta possono essere necessari trattamenti delle acque, dal semplice addolcimento per eliminare l’eccesso di sali di calcio e magnesio responsabili della formazione di calcare, a interventi specifici per controllare parametri fisici, chimici e biologici dell’acqua al fine di consentirne determinati utilizzi. L’importanza degli impianti idrici, e del fatto che debbano essere correttamente progettati e realizzati, deriva anche dalla sempre maggiore attenzione alle tematiche ambientali e dalla consapevolezza che una risorsa primaria ed importante come l’acqua, ed in particolare quella potabile, non è certo un bene inesauribile. Occorre quindi farne un uso corretto e responsabile.

La produzione di acqua calda sanitaria (ACS) costituisce l’anello di congiunzione fra l’impianto idrico e quello di riscaldamento. Infatti l’utilizzo di apparecchi esclusivamente dedicati allo scopo, come gli scaldabagni elettrici funzionanti a resistenza, risultano obsoleti e non più rispondenti alle attuali normative. La soluzione ottimale anche da punto di vista del risparmio energetico è quella di produrre l’acqua calda mediante il sistema integrato di riscaldamento ovvero, ad esempio, mediante pompa di calore e pannelli solari, ottenendo così massimo confort ed economia.

Anche gli impianti di scarico risultano molto importanti sia perché sono i maggiori responsabili di danni negli edifici, dovuti a intasamento e relative conseguenze, sia per la sempre maggiore attenzione rivolta al corretto smaltimento e depurazione delle acque reflue.